PSICOLOGIA ED EBRAISMO: IL TEMA DELLA FELICITÀ NEL PENSIERO EBRAICO MEDIEVALE

Prof. Roberto Gatti

Ogni lunedì ore 18.00-20.00
8 incontri dal 18 ottobre al 6 dicembre
Costo: € 75  – Prezzo speciale studenti € 55

Partendo da Aristotele e arrivando fino a Spinoza, il corso si propone di far vedere a quali mutamenti sia stata sottoposta la concezione greca della filosofia (come arte di vivere che conduce l’uomo alla felicità) nel momento in cui è passata nelle mani di pensatori ebrei e musulmani, eredi di una Legge religiosa e di una sua tradizione. Il punto d'arrivo del percorso sarà costituito dall'analisi delle passioni in Spinoza e dalla sua tematica dell'amore intellettuale di Dio.

  • Lezione 1 – 18 OTTOBRE: Introduzione - Il problema della felicità: caratteri fondamentali del pensiero ebraico medievale

  • Lezione 2 – 25 OTTOBRE: Il tema della felicità in Aristotele e in al-Farabi

  • Lezione 3 – 8 NOVEMBRE: La felicità in Averroè

  • Lezione 4 – 15 NOVEMBRE: La felicità in Maimonide I: le opere halakhiche (gli Otto capitoli e le Hilkhot de'ot)

  • Lezione 5 – 22 NOVEMBRE: La felicità in Maimonide II: la Guida dei perplessi

  • Lezione 6 – 29 NOVEMBRE: La felicità in Gersonide I: il Commento ai tre opuscoli di Averroè e figlio

  • Lezione 7 – 6 DICEMBRE: La felicità in Gersonide II: il Libro primo delle Guerre del Signore

  • Lezione 8 – 13 DICEMBRE: La felicità nell'Ethica di Spinoza

 

ROBERTO GATTI si occupa da diversi anni di storia della filosofia medievale ebraica, con particolare attenzione alle sue correnti neoplatoniche e aristoteliche tra XI e XIV sec e alle loro fonti arabe. In questi campi ha pubblicato diversi studi e traduzioni dall'ebraico. Da ultimo, sta studiando le fonti medievali del pensiero di Spinoza. Alterna questa attività di ricerca a quella di insegnamento di Filosofia e Storia in un liceo di Asti.

bragg-midrash.jpeg